Calciomercato Napoli, prime mosse: Obiang, Soriano e De Silvestri

Dalla Samp il serbo può avere subito tre fedelissimi. In maglia azzurra ritroverà Andujar, Britos e Gabbiadini

corrieredellosport.it
04/22/2015 06:20
corrieredellosport.it
ROMA - Visto da dentro, insomma, c’è persino la dimensione tridimensionale di chi sa, di chi l’ha vissuto, di chi può accendere una luce per aiutare a guardare meglio il Napoli. Perché se dovesse succedere, e cioé che Benitez si congedi, ci sarebbero quegli indizi che bastano per farsene una prova di ciò che si scorge dall’esterno. Visto da Bogliasco, dalla Genova doriana, gli occhi di un amico possono servire per scrutare ciò che rischia di sfuggire: e, volendo, pur per farsene un’idea della città, dell’ambiente e del «contorno», se proprio dovesse finire un giorno - a maggio, a giugno - l’era di Benitez, l’erede a quel trono (in realtà una panca) avrebbe qualche fonte di ispirazione. Perché facendosi un giro nel passato, c’è già un pizzico di Mihajlovic nel Napoli: c’è Manolo Gabbiadini, ovvio, e questa è sin troppo facile; c’è dunque colui il quale ha rappresentato il pubblico rimpianto, a cessione avvenuta, per essersi sentito «debilitato ». E certo che sì, avendo un uomo da nove gol (con la Sampdoria), ora diventati sedici (con i sette segnati al Napoli): e ci sta che un allenatore avverta il disagio, ritrovandosi con un attaccante - di quello spessore - in meno. Poi c’è anche Miguel Angel Britos, che a Bologna (anno 2008-2009), nella sua prima stagione italiana, mise assieme quattordici presenze ed ebbe modo di conoscere Mihajlovic, che appena qualche mese dopo (2009-2010) sarebbe passato anche da Catania, portiere Andujar, 35 partite. [...]

SCELTE -  E poi? E poi qualcosa in questa vicenda se la dovranno dire anche Napoli e Sampdoria. In questo qualcosa proviamo a leggere i nomi di Obiang, Soriano e De Silvestri, tra i fedelissimi di Sinisa che spererebbe di poterne portare qualcuno con sé. Se non tutti e tre, per fare l’en plein, almeno due di loro. Se l’affare decollerà se ne parlerà sicuro.

Argomenti correlati

Altre Notizie