Serie A, Zielinski: «Ho preferito il Napoli al Liverpool, qui posso fare il titolare»

Il centrocampista polacco: «La mia clausola da 65 milioni? Impressionante. Sarri mi voleva da tempo»

corrieredellosport.it
09/01/2016 16:25
corrieredellosport.it

NAPOLI - «Sono contento di essere a Napoli, è una delle migliori squadre nella quale trasferirsi a 22 anni, e col tempo posso diventare titolare». È l’augurio di Piotr Zielinski, nuovo rinforzo del club azzurro, parlando dal ritiro della sua nazionale, al sito polacco Sportowefakty. Zielinski ha ammesso che c'è stata una trattativa con il Liverpool «ma non è andata», sottolineando che «per lo stile di gioco del Napoli e le mie caratteristiche non avrei potuto fare scelta migliore, anche se ora sono una riserva. Sono arrivato appena da un mese. Qui sono tutti molto forti ma io credo nelle mie capacità. Hamsik è uno dei migliori centrocampisti del campionato italiano, Allan è un giocatore importante, dovrò lavorare in allenamento e sfruttare ogni occasione. Col tempo potrò diventare anche io un titolare».


CLAUSOLA - Il centrocampista polacco ha anche commentato la clausola rescissoria da 65 milioni di euro inserita nel suo contratto: «Impressionante - ha detto -. Significa che il Napoli si aspetta che giochi bene e vuole tutelarsi, così se giocherò bene servirà solo quella cifra per cedermi. I venti milioni pagati dal Napoli? Da una parte è una bella sensazione sapere che sei stato pagato così tanto, dall'altra cerco di non pensarci, di non avere troppe pressioni».


SUL MISTER - Zielinski ha parlato anche del rapporto con Sarri che lo trasformò in centrocampista a Empoli: «Mi voleva già a gennaio quando ero in Toscana, ma ho scelto di concludere lì la stagione. Quando ci siamo incontrati in estate mi ha abbracciato calorosamente e mi ha detto che non vedeva l'ora di ritrovarmi. Sarri apprezza le mie capacità, è un grande allenatore e sono contento di poter lavorare ancora con lui». Ultimo passaggio sulla squadra e sulla città di Napoli: «Sarà facile ambientarmi - ha continuato -. Conosco già lo stile di gioco, questa squadra è perfetta per me. Si gioca un calcio tecnico. I furti avvenuti in passato ai danni di qualche giocatore? Spero non mi capiti ma non ho paura di camminare per Napoli, bisogna godersi la vita, spesso, con amici e la fidanzata, sono uscito a cena fuori con Milik. A fine serata il cameriere non voleva farci pagare, ma anche loro devono guadagnare».

Argomenti correlati