Sergio Ramos: «Napoli insidiosa, un'italiana già ci ha fatto male»

Il capitano del Real Madrid avverte i compagni: «Ora loro sono in forma»

corrieredellosport.it
02/13/2017 18:14
corrieredellosport.it

ROMA - «Nella Liga e in Champions il Real Madrid ha come obiettivo arrivare fino in fondo e vincere tutto». Parola di Sergio Ramos, colonna e capitano del Real, che dopodomani affronterà il Napoli nell'andata degli ottavi di finale. Ramos ha parlato durante un botta e risposta via Facebook con i tifosi, in occasione della 500esima partita con la maglia del Real. «È molto importante per me far parte di un club storico come il Real e tutti noi siamo consapevoli che dobbiamo onorare sempre questa maglia.

Il miglior giocatore che abbia mai affrontato? Ora ci gioco assieme, ma devo dire che in passato tenere contro Cristiano Ronaldo è stato estremamente difficile», ha aggiunto il difensore, che ha detto di avere anche pensato di cambiare numero di maglia, optando per il 93, in onore dei tanti gol segnati proprio nei minuti di recupero del secondo tempo: «Sono legato ormai da anni al numero 4 e confesso che ci sto pensando. D'altronde, quella mia rete realizzata al 93', ha deciso la nostra 'decima' vittoria in Europa. Ci sono state tante reti importanti, ma credo che quella non la dimenticherò mai».


IL NAPOLI - L'immediato futuro si chiama adesso Napoli, una squadra che Ramos dice di rispettare: «È un grande rivale, con una buona corsa. Cercheremo di tenere la porta inviolata per poter poi fare una partita di ritorno più tranquilla. Combattere fino alla fine è nel nostro Dna, fa parte della nostra storia», ha aggiunto il difensore spagnolo che ancora non ha svelato i propri piani per il futuro: «Ho ancora qualche anno da giocare qui (il contratto scadrà nel 2020, ndr) e voglio godermi ogni giorno come merita, ci sarà tempo per pensare a questo. Aver giocato 500 partite con il Real mi inorgoglisce, non me lo sarei mai aspettato, ma voglio continuare a rappresentare al massimo la migliore squadra del mondo».


LA FINALE - A Cardiff, la sede che ospiterà la finale Champions 2017, ci sta pensando? «Speriamo di poterci arrivare, ma dobbiamo andare avanti passo dopo passo. Adesso dobbiamo concentrarci sulla partita di mercoledì, sarà molto difficile. Dobbiamo stare attenti, anche perché qualche anno fa con un'altra italiana, non andò per il verso giusto. Sono una squadra in forma. Speriamo di fare una buona stagione nelle due competizioni. In campionato siamo primi e dipendiamo da noi stessi, speriamo di fare bene anche in Champions».

Argomenti correlati