Champions League, Real-Napoli: 10mila tifosi azzurri a Madrid

Carovana lunghissima al Bernabeu, a Madrid. La febbre Real è ai massimi livelli 

corrieredellosport.it
02/14/2017 08:43
corrieredellosport.it

INVIATO A CASTEL VOLTURNO - Ola, Madrid: ed è un viaggio ch’è cominciato presto, perché la fantasia ha trascinato al Bernabeu due mesi fa, quando l’urna disse Real e spinse a scegliere il percorso per approdare al Fondo Norte o in qualsiasi spicchio d’uno stadio ch’è un’emozione da vivere. E’ qui la testa, in questo microuniverso che scandisce il tempo e lo scolpisce nel marmo della memoria, in un 15 febbraio 2017 che resterà per sempre, a prescindere, perché a modo suo è come se rappresentasse uno spartiacque e fornisse, stavolta definitivamente, un ruolo imperiale. E’ qui la festa, e se ne approprieranno in diecimila, che arriveranno da ogni angolo della terra - l’Italia, la Germania, la Svizzera, la Francia, la Spagna, gli Stati Uniti - e poi spalancheranno gli occhi, per rendersi conto che ci sono favole e (soprattutto) principi azzurri.

NAVE, AEREO, BUS - Ola, Madrid, prendendosi lo spazio per se stesso, per tuffarsi nella bellezza sontuosa d’una Capitale che va osservata con curiosità, girandola per musei e annusando la Storia, arrivandoci in anticipo, in parecchi sin da ieri pomeriggio. Ci sono le vie del cielo, e saranno pure per quei sette charter che decolleranno domani da Capodichino, e ovviamente quelle del mare - che pure qualcuno ha scelto, approdando a Barcellona e poi spostandosi in macchina - ed infine le autostrade con due autobus che stamani partiranno per percorrere i 2150 chilometri in ventiquattrore circa, prima di arrivare al terzo o al quarto anello del Fondo Norte, dove saranno accolti da Gigi Cassano, il delegato alla sicurezza del Napoli, con steward e uomini della Digos partenopea. E invece chi ha avuto la possibilità di acquistare da amici spagnoli, che hanno ceduto il proprio posto, se la godrà egualmente: Lateral Este, me nel cuore della sfida.

Argomenti correlati