Giuntoli: «Astori il più grande rimpianto. Milik? Stiamo lavorando per il rinnovo»

Il direttore sportivo degli azzurri: "Icardi è lontano dalle nostre possibilità. Gattuso sta facendo un grande lavoro, ma non abbiamo preso discorsi a causa di questa situazione. Koulibaly? Non ci saranno sconti"

corrieredellosport.it
04/02/2020 18:17
corrieredellosport.it

ROMA - Il ds del Napoli Cristiano Giuntoli è intervenuto ai microfoni di Sky Sport 24. Il dirigente degli azzurri a proposito di come cambierà il mercato dopo l'emergenza Coronavirus: "Un brutto colpo per l'economia mondiale. Avremo un contraccolpo di un'entità che non possiamo sapere. Secondo noi la rifondazione l'abbiamo già fatto quest'anno. Abbiamo cambiato in difesa, a centrocampo. È un cambiamento già in atto che continuerà". A proposito delle nuove date di mercato, Giuntoli risponde: "Il mercato aperto tutto il tempo sarebbe necessario, ma andrebbe contro l'etica del campionato. Si va incontro a inconvenienti spiacevoli. Tutto aperto non credo sia giusto".


Rispondendo alla domanda di una tifosa circa l'operazione di mercato più complessa, Giuntoli risponde: "Forse la prima, quella di Allan. Comportò il prestito per due anni di Zapata. Fu una trattiva complessa che comportò lo spostamento di quattro giocatori. Un'operazione lunga e complessa". Come si lavora in questo periodo? "All'inizio abbiamo dovuto capire dove eravamo cascati. Abbiamo cercato di essere ligi al nostro senso civico, più si sta a casa prima ne usciamo. Pian piano poi ci stimo adoperando nel lavoro, questo è un mese dove si lavora molto con gli scout, ci confrontiamo su tante situazioni. Personalmente questo è un periodo per prendere informazioni". A proposito di Boga e Ricci: "Boga è un calciatore importante, duttile. Di Ricci, classe 2001, ha qualità importanti ma in questo momento non abbiamo fatto telefonate di un certo tipo".


Su Lozano: "Non stava benissimo fisicamente, è stato un po' fermo e ci ha messo un po' a entrare in condizione. Ha fatto buone partite soprattutto con Carlo (Ancelotti, ndr). È molto giovane e farà vedere in futuro quello che sa fare". A proposito di Koulibaly: "Credo che ci sarà un ridimensionamento, ma penso che i grandi campioni non avranno sconti. Un campione troverà sempre una squadra pronta a dare tanti soldi".


"Dal punto di vista umano Davide Astori. Fu una trattativa lunga, non ci fun la concessione della Fiorentina per i diritti d'immagine. Ho un ricordo di un ragazzo incredebile con dei valori incredibili".


A proposito di Icardi: "É un grande calciatore, chi non lo vorrebbe in squadra. Credo però sia lontano dalle nostre possibilità. Meret sta crescendo molto, sta diventando il portiere che pensavamo potesse diventare". Su Zielinski: "Secondo me è diventato un top, ma non se ne è accorto. È molto introverso, è uno tardivo".


"Noi stiamo bene con Rino, sta facendo un grande lavoro, Anche lui è contento, ma non abbiamo preso discorsi a causa di questa situazione. Milik vogliamo tenerlo, stiamo trattando con il suo entrourage per prolungare il contratto. Ufficialmente non lo ha chiesto nessuno. Avrà tanti estimatori, ma è un grande giocatore e questo è normale".


"Ci impegneremo per cercare di tenere il Napoli ad alti livello, con professionalità e abnegazione. Ma al momento l'unico appello che posso fare è quello di rimanere a casa. Più stiamo in casa prima usciamo da questa situazione"

Argomenti correlati