Napoli - Udinese 7-6 dcr

I Precedenti contro l'Udinese
GiocateG VittorieV PareggiP SconfitteS Gol FattiGF Gol SubitiGS
Serie A
Serie B
Coppa Italia
Totale
Andujar Goal Goal 7,5
Mesto Ammonizione 6
Strinic Ammonizione Assist 6
Britos 5
Henrique 5,5
Jorginho Ammonizione Goal 6
Gargano Sostituito 6,5
Hamsik Goal 7
Zapata Sostituito 6,5
Gabbiadini Sostituito 5,5
Mertens 6
De Guzman Subentrato 6
Callejon Subentrato 5,5
Higuain Subentrato 6,5
Benitez 6
Il Napoli vince in casa battendo l'Udinese per 7-6 dcr
Termina con un boato al San Paolo: la lunga notte di Napoli-Udinese si chiude con il rigore di Gonzalo Higuain che fa fuori Strama e manda avanti Benitez. Finisce 7-6 e dopo tanti brividi (la rimonta nei regolamentari agevolata da un rigore generoso e il 2-2 ai supplementari nonostante la superiorità numerica), gli azzurri potranno difendere il trofeo conquistato l'anno scorso: ai quarti di coppa Italia, il 4 febbraio, sfideranno ancora in casa l'Inter.

L'attesa più grande era per Gabbiadini, il colpo del mercato invernale del Napoli: a parte un colpo di testa respinto in angolo senza troppi affanni da Scuffet, non si vede granché. sparendo completamente nella ripresa. Non lo aiutano le scelte di Benitez: una cosa è inserirsi in un meccanismo collaudato, un'altra è essere parte di una rivoluzione con otto cambi su undici rispetto alla gara con la Lazio. In più c'è il dubbio che, largo a destra in un 4-2-3-1, faccia più fatica che nel 4-3-3, anche perché non ha mai fatto mistero di sentirsi un attaccante e non un'ala. La metamorfosi, va da sè, nuoce un po' a tutti, anche perché il Napoli spreca subito la possibilità di mettere la partita in discesa con un rigore conquistato da Zapata al 3' e sbagliato da Mertens (che colpisce la traversa). Così, mentre il belga sembra subire il colpo e bisogna attenderlo più di mezzora per rivederlo sfrecciare in dribbling, Hamsik conferma le solite difficoltà da trequartista e tra le linee, di fatto, non si vede mai nel primo tempo. Il palo colpito da Gargano al 36', su un tiro deviato da Hallberg, è frutto sì di una maggiore intraprendenza rispetto all'Udinese, ma non di una manovra avvolgente. E dietro gli azzurri a volte scricchiolano, soprattutto all'inizio, per le amnesie di Britos tornato centrale, ma vengono graziati dal generoso Thereau.

Un po' per l'emergenza, un po' per la voglia di far riposare qualcuno (tra cui Di Natale) in vista del campionato, Stramaccioni manda in campo dal 1' Hallberg e Jaadi inventandosi Pasquale centrale di una difesa che si trasforma spesso a 5 con Widmer e Gabriel Silva entrambi molto arretrati. Con Allan impegnato a far diga e Bruno Fernandes in ombra, è il 18enne marocchino di passaporto belga a sorprendere, conducendo meravigliosamente il contropiede dell'1-0 che al 58' manda in gol Thereau. Era partito meglio il Napoli nella ripresa, ma gli azzurri confermano i soliti limiti: se scoprono la difesa, rischiano. E spesso subiscono. La reazione passa dai piedi di Mertens, dal parziale risveglio di Hamsik e da un rigore generoso concesso per un (presunto) fallo di Heurtaux su Zapata: Jorginho trasforma (65') e il pari spegne l'Udinese che resta anche in dieci per l'espulsione di Widmer. Le clamorose occasioni di Aguirre (salvataggio sulla linea di Mesto) e Kone (gran parata di Andujar) all'inizio dei supplementari dicono che la superiorità numerica non rappresenta, in teoria, un vantaggio per un Napoli. E la conferma arriva poco dopo, perché Hamsik segna un gol capolavoro con un destro a girare, ma gli azzurri si fanno riprendere dopo tre minuti da un'altra magia, stavolta di Kone, che al San Paolo aveva già segnato due volte con la maglia del Bologna. L'Udinese stringe i denti, si salva al 120' su un errore di Mertens, ma alla fine deve arrendersi ai rigori: Allan sbaglia il quinto, Higuain segna. E Napoli fa festa. Come contro la Juve in Supercoppa.

Napoli-Udinese 7-6 d.c.r.
(primo tempo 0-0, 1-1 al 90', 2-2 al 120')

MARCATORI: Thereau (U) al 13', Jorginho (N) su rigore al 20' s.t.; Hamsik (N) al 10', Kone (U) al 14' p.t.s

NAPOLI (4-2-3-1): Andujar; Mesto, Henrique, Britos, Strinic; Gargano (dal 27' s.t. De Guzman), Jorginho; Gabbiadini (dal 39' s.t. Callejon), Hamsik, Mertens; Zapata (dal 6' s.t.s. Higuain). (Rafael, Colombo, Maggio, Koulibaly, David Lopez). All. Benitez.

UDINESE (3-5-1-1): Scuffet; Heurtaux, Danilo, Pasquale; Widmer, Allan, Hallberg (dal 31' s.t. Guilherme), Bruno Fernandes, Gabriel Silva; Jaadi (dal 28' s.t. Kone); Thereau (dal 28' s.t. Aguirre). (Karnezis, Bochniewicz, Faraoni, Piris, Jadson, Pontisso, Jankto, Vutov, Di Natale). All. Stramaccioni

ARBITRO: Orsato di Schio
Sequenza rigori: Bruno Fernandes (U) gol, De Guzman (N) gol, Guilherme (U) gol, Jorginho (N) gol, Kone (U) gol, Mesto (N) gol, Danilo (U gol, Hamsik (N) gol, Allan (U) parato, Higuain (N).
Ammoniti: Gabriel Silva (U), Hallberg (U), Heurtaux (U), Jorginho (N), Mesto (N) e Strinic (N) per gioco scorretto, Thereau (U) per proteste.
Espulso Widmer (U) al 23' s.t. per doppia ammonizione
Ultimi Precedenti in Campionato
ultima vittoria in Serie A
2016-17
ultima vittoria in casa in Serie A
2016-17
ultima vittoria in trasferta in Serie A
2016-17
ultimo pareggio in Serie A
2013-14
ultimo pareggio in casa in Serie A
2013-14
ultimo pareggio in trasferta in Serie A
2013-14
ultima sconfitta in Serie A
2015-16
ultima sconfitta in casa in Serie A
2010-11
ultima sconfitta in trasferta in Serie A
2015-16

Argomenti correlati

#CoppaItalia

#NapoliUdinese

#TabellinoUfficiale

Tutte la Coppa Italia 2014-15
Stagione Competizione Data Partita Risultato Esito
2014-15 Coppa Italia 22/01/2015 Napoli - Udinese 7-6 dcr
2014-15 Coppa Italia 04/02/2015 Napoli - Inter 1-0
2014-15 Coppa Italia 04/03/2015 Lazio - Napoli 1-1
2014-15 Coppa Italia 08/04/2015 Napoli - Lazio 0-1