De Laurentiis: «Spalletti il migliore allenatore mai avuto in carriera»

Il presidente del Napoli: “Respinto il ricorso sulla sua squalifica? Meglio non commentare. Tra un anno e mezzo arriva la serie sulla storia della nostra società”

corrieredellosport.it
12/10/2021 21:47
corrieredellosport.it

NAPOLI - Stiamo registrando 30 episodi che produrrà una piattaforma internazionale e che riguarderanno la storia del Napoli fino ad oggi. Vedrà la luce tra circa un anno e mezzo”. Lo aveva detto e lo ha confermato, Aurelio De Laurentiis. Il presidente azzurro, nel corso della presentazione del libro di Valter De Maggio, ha anche parlato dell'opportunità di omaggiare annualmente Maradona: “Il 20 dicembre abbiamo un incontro alla Farnesina per capire se c'è la possibilità di mettere in calendario una gara ogni anno che possa ricordare Diego. Abbiamo diverse date da far conciliare per capire quando fare questa partita”.


“Sogno Scudetto? La vita è un sogno. Se tu a un certo punto aprissi gli occhi davanti alla cruda realtà soccomberesti. Non bisogna mai e poi mai smettere di sognare. La bravura di Spalletti, rispetto ad altri allenatori che ho avuto, è che lui fin dall'inizio sperimentava e faceva girare la rosa facendo giocare tutti. Alla fine uno si rende conto che quello che avevi comprato e che credevi farlocco in realtà era gagliardo e non avevi investito male il denaro. Spalletti è il miglior allenatore che ho avuto nella mia carriera da presidente”.


Ricorso Spalletti respinto? Meglio non commentare. È inutile che parliamo di ciò che è sotto gli occhi di tutti. Non solo per il Napoli, ma per tutto il calcio italiano. Questo è un problema che supereremo solo quando la Lega sarà indipendente e potrà gestire gli arbitri, come avviene in Inghilterra. Lo diciamo da anni, ma in certe compagini associative c'è la volontà di fare politica”.


All’inizio fu divertente iniziare con un cavallo che con grande senso di umiltà e ironia dopo il primo anno disastroso si trasformò in un ciuccio. Io ho detto molte volte ai miei: recuperiamo il cavallo ch’è il simbolo pure della Ferrari e della Porsche. Se vogliamo volare alto, dobbiamo inserire un cavallo rampante sulla nuova maglia del Napoli, come simbolo, insieme alla famosa N cerchiata”.


"Il calcio è una società per azioni, ma nessuno lo ha ancora capito, né a livello istituzionale né a quello imprenditoriale. Chi crede di comandare questo sport non è ascoltato da chi governa e tutti continuano a fare quello che vogliono. Il mondo cambia e le piattaforme mostrano sempre cose diverse".


È stata una partita difficile contro una squadra inglese che gioca un calcio diverso da quello a cui siamo abituati - ha invece detto sulla gara di Europa League contro il Leicester - Avevamo problemi di formazione ma abbiamo fatto di necessità virtù con Zielinski arretrato che smistava palloni. Non abbiamo sfigurato per niente e vinto”.

10maggio87 TV

2021-22 - Serie A - Napoli-Empoli 0-1
2020-21 - Coppa Italia - Napoli-Empoli 3-2

Argomenti correlati