Il Napoli si gode Zerbin, debutto con l'Italia senza mai giocare in serie A come Zaniolo

L'attaccante esterno di proprietà azzurra è entrato in campo contro l'Ungheria all'82': per lui è la prima con la Nazionale

corrieredellosport.it
06/07/2022 22:12
corrieredellosport.it

CESENA - Roberto Mancini continua a far esordire nuovi giocatori con la maglia azzurra dell'Italia. A Cesena, contro l'Ungheria, è toccato anche ad Alessio Zerbin, entrato in campo all'82'. L'attaccante esterno di 23 anni, di proprietà del Napoli, nell'ultima stagione ha giocato in prestito a Frosinone per il suo primo anno di serie B. E ha segnato 9 gol in 31 partite, meritandosi gli applausi e il probabile ritorno alla casa base dove poi sarà valutato da Luciano Spalletti. E' il quarto giocatore, con Mancini, a esordire senza mai aver giocato una volta in Serie A ed è il secondo, dopo Zaniolo, ad aver giocato solo in Serie B.


Zerbin, tra le altre, ha giocato anche nel Cesena. Dunque il Manuzzi gli porta fortuna: nel 2019-2020 segnò due gol proprio davanti ai suoi tifosi. E ora c'è stato l'esordio assoluto con la maglia dell'Italia maggiore. Come detto, sono parecchie le esperienze fatte dal giocatore, in giro per l'Italia in prestito: cresciuto nelle giovanili dell'Inter, è approdato al Napoli nel 2017-2018, successivamente è andato alla Viterbese, al Cesena, alla Pro Vercelli e al Frosinone. Nella sua carriera c'è anche un gol segnato con la maglia dell'Italia Under 18.


Al fischio finale, Zerbin esterna tutta la sua gioia per l'esordio: "È stato un percorso lungo e tortuoso, ma sono contento di essere qua. Per me è un onore, non me l'aspettavo. Solo due anni fa ero in questo stadio in Serie C, oggi in Nazionale: è un sogno che si avvera. E' un momento che non riesco ancora a percepire e godermi bene. Sono migliorato tanto in fase di finalizzazione, ci ho lavorato tanto con il mister. Mancini mi ha detto solo di divertirmi".



Sul Napoli: "Se è vero che il mio agente Valcareggi ha dovuto insistere con Giuntoli? Furio mi vuole un bene incredibile, è vero che c'è stata una trattativa più lunga del solito quando sono andato a Napoli, ma la fiducia di Giuntoli è stata grande e penso di averla ripagata nel miglior modo possibile".


Zerbin al Napoli può essere l'erede di Lorenzo Insigne? Di acqua sotto i ponti ne dovrà passare parecchia. Per non seguire Insigne sulla via contrattuale, il Napoli si sta organizzando per rinnovargli il contratto visto che scade tra un anno. Per caratteristiche, nel 4-3-3 di Mancini, gioca esterno a sinistra a piede invertito, Spalletti come sappiamo utilizza invece il 4-2-3-1. A livello tattico può dunque sostituire Insigne e può sfruttare la sua partenza per guadagnarsi le sue chance. Al momento, probabilmente sarebbe troppo definirlo l'erede di Insigne, ma l'esterno piemontese intanto sta facendo le sue prime belle esperienze.

Argomenti correlati