Giuntoli: «Per Koulibaly 6 milioni e 5 anni di contratto, Dybala fuori portata»

Va oggi in scena Dimaro, sede del ritiro del Napoli, la prima conferenza stampa della stagione di Luciano Spalletti, al quale si aggiunge anche Giuntoli

corrieredellosport.it
07/09/2022 22:40
corrieredellosport.it

DIMARO - Primo giorno della nuova stagione per il Napoli, che dal ritiro di Val di Sole ha svolto il primo allenamento a ranghi ridotti.


Subito dopo la fine dell'allenamento, doccia e via in sala stampa per il tecnico partenopeo Luciano Spalletti, che prenderà la parola per la prima conferenza stampa della stagione assieme a Cristiano Giuntoli. I due risponderanno alle domande della stagione, ed è probabile che gli argomenti verteranno sulla nuova stagione e sul mercato.


Il primo a prendere la parola è stato ovviamente Spalletti, ma subito dopo ha parlato il responsabile del mercato Giuntoli, che ha subito chiarito le situazioni più importanti, partendo ovviamente da quella di Kalidou Koulibaly, difensore senegalese classe 1991 al quale, riporta Giuntoli, è stata presentata un'offerta enorme da parte della società: "La squadra ha dato dimostrazione di grande valore, siamo andati in Champions League dopo due anni di assenza. Non è arrivata nessuna offerta ufficiale per Koulibaly, però non nego che Kalidou, che va in scadenza, vale tanto per noi e ha rappresentato bene il Napoli in tutti i nove anni che è stato qui. Stiamo parlando con lui tutti i giorni. Ci ha chiesto tempo, si sta guardando intorno".


"Il presidente ha fatto al ragazzo un'offerta irrinunciabile, veramente tanto, si può dire, non c’è nulla di male, sei milioni netti all'anno per cinque anni, senza bonus. 60 milioni lordi, e offrendogli anche un futuro da dirigente perché è un ragazzo distinto dentro e fuori dal campo, se la è meritata questa proposta incredibile".


"Il presidente, lo sappiamo, è generoso ma attento ai conti, ci siamo passati. Ora passiamo da stipendi alti a essere tornati nella sostenibilità che è una garanzia, peri tifosi, di un progetto lungo, dunque vale doppio questa offerta".


Ci sono gli altri argomenti caldi di mercato. Fabian Ruiz"Per quanto riguarda Fabian Ruiz, è innamorato della città, stiamo parlando, ancora nessuna offerta è arrivata, ancora nessuna offerta anche da parte nostra ma stiamo parlando perchè vogliamo tenerlo. Stiamo valutando, lui si guarda attorno ovviamente e noi aspettiamo che ci porti qualcosa per poi decidere se venderlo o fargli un offerta. Per ora andiamo d'amore e d'accordo".

Mertens"Mertens non lo gestisco io personalmente, ma il presidente e il mister. Mertens ha bel rapporto con De Laurentiis, hanno parlato a lungo e il presidente gli ha fatto una proposta importante considerando tutto, quasi cinque milioni lordi, 2,5 netti, che ovviamente non è stata accettata". Dybala"Non abbiamo mai parlato con lui, per il Napoli è totalmente fuori portata. Sta parlando con altre squadre".


Giuntoli sul portiere: "Meret resta volentieri con noi, abbiamo un accordo solo da formalizzare". Il diesse del Napoli ci tiene a salutare chi era in scadenza: "Volevo ringraziare tutti i ragazzi in scadenza, da Ospina a Malcuit, da Insigne a Ghoulam, in questo momento anche Mertens". Su Ospina: ""Noi volevamo tenerlo, gli abbiamo fatto una corte spietata. Lui ha scelto una strada meno tecnica e più economica. Noi volevamo confermarlo, insieme a Meret, visto che siamo stati la miglior difesa".

Il mercato quest'anno dev'essere fatto in fretta, vista l'imminenza del campionato: "Se uno vorrà partire dovrà portare offerte in breve tempo perché il campionato comincia prima. Ci sono 15 punti in palio fino ai primi di settembre, è una riflessione corretta che abbiamo fatto con i nostri calciatori".


Su Osimhen, Giuntoli ammette: "Offerte vere e proprio no. Telefonate d'interessamento sì. Tutti sanno che noi abbiamo grandi aspettative nei suoi confronti, ha ancora tre anni di contratto e quindi l'offerta deve essere molto molto importante, lo sanno tutti".

Argomenti correlati